venerdì 15 dicembre 2017

Le regole del pacchetto perfetto

Nessun commento:
Mancano esttamente 10 giorni a Natale e a quest'ora avrete già preso i regali della vostra lista. Ora arriva la parte che preferisco: impacchettarli! Uno dei miei primi lavori è stato fare la "Babba Natale" impacchettatrice in un centro commerciale, esperienza che mi ha lasciato, oltre all'odio per le canzoni natalizie ascoltate fino allo sfinimento, una certa abilità nel confezionare i regali, anche se in quel contesto non c'era certo il tempo di curare ogni dettaglio come piace a me.


Personalmente amo le carte a tinta unita da personalizzare con nastri o washi tape, ma non disdegno pattern spiritosi, soprattutto nei pacchetti per i più piccoli. Nella mia bacheca pinterest troverete tante ispirazioni per originali pacchetti, ma prima ci dobbiamo occupare dei fondamentali:
ho deciso di raccogliere in questo post 5 consigli per il pacchetto perfetto, che vi aiuteranno ad essere più veloci ma anche a fare confezioni che lasceranno a bocca aperta chi le riceverà.


Per prima cosa verificate che non ci siano etichette con il prezzo o, nel caso di libri, che non sia stampato sul retro della copertina. In casa mia gli adesivi non mancano mai, quindi mi diverto a scegliere il più indicato per coprirlo, ma in assenza di quello potreste usare un pennarello indelebile nero o dello smalto coprente. In ogni caso non tagliate parti del libro o raschiate barbaramente copertine rigide per grattare via il prezzo, lo trovo un sacrilegio!


Né troppo grande né troppo piccola. Per ottenere un bel pacchetto è importante non far fare troppi giri alla carta. Il mio consiglio è appoggiare l'oggetto che si vuole impacchettare: calcolate che riesca a fare un giro intorno al pacchetto, mentre i risvolti non devono essere più lunghi dell'altezza del pacco, ma devono superarne la metà. Ad esempio, per un pacchetto alto 5 cm lasciate 3 o 4 cm di risvolto.


Una volta capito come scegliere la dimensione della carta, occorre tagliarla. Con le forbici è estremamente difficile andare dritti e oltretutto si rischia, al passaggio, di stropicciare la carta. Il mio consiglio è di piegare il foglio e usare un tagliacarte, un coltello o un taglierino. Oltre ad avere un risultato impeccabile questa operazione vi farà risparmiare tanto tempo.


Anche se avete tagliato la carta in modo preciso il rischio di andare storti avvolgendo la carta intorno al pacchetto è alto. Ma c'è un trucco semplicissimo che vi verrà in aiuto: fate una piega lungo la larghezza della carta, appoggiate il lato del pacchetto ed iniziate ad avvolgere sfruttando quella piega. Non c'è rischio di sbagliare!


I consigli qui sopra sono indicati per confezioni regolari come libri, scatole di giocattoli o qualsiasi cosa con un packaging quadrato o rettangolare. E per tutte le altre forme? Semplice: comprate delle scatole, delle borse o dei sacchetti dove inserire tutte quelle cose dalla forma troppo assurda per essere confezionate. Per un effetto più originale non dimenticate di personalizzarle con washi tape, fiocchi o tutto quello che vi suggerisce la fantasia.


E per finire un consiglio extra per rendere il vostro pacchetto unico: non dimenticate il biglietto! Che sia un tag con degli auguri sintetici o un biglietto con una vera dedica il biglietto dimostra quell'attenzione in più che in un pacchetto ben fatto non può mancare.
Il biglietto di Troppotogo creato da Caseperlatesta è perfetto per le mie confezioni di quest'anno, e chissà che partecipando al loro contest natalizio non vinca anche un regalo. 
Se vi ho incuriosito, andate a leggere di che si tratta: qui trovate il biglietto da scaricare e tutte le info per partecipare alla blogparade.

venerdì 1 dicembre 2017

Una casetta come biglietto di Natale

22 commenti:
Più che il rosso, l'oro o l'argento, per me nessun colore fa Natale più di quello della carta da pacco, soprattutto se decorata di bianco, così quando ho dovuto pensare al tutorial per la raccolta di biglietti natalizi di Chiara e Ilaria di Caseperlatesta non ho avuto dubbi su quali colori usare.
Ho sempre amato le casette di pan di zenzero, ma più per il loro aspetto che per il gusto, lo devo ammettere, niente di scandaloso quindi se questa gingerbread house sarà solo da mangiare con gli occhi!


Qui potete scaricare il template con il disegno della casetta da ricalcare o stampare per assemblare questo grazioso biglietto tridimensionale.
Io ho usato una penna gel bianca su un cartoncino kraft, ma volendo potete stampare la versione a colori o stamparlo in nero su un cartoncino colorato a vostro piacere.

Una volta preparato il disegno (1) ritagliatelo e piegatelo come da istruzioni (2).  Per avere delle pieghe più precise tracciate un solco con il retro della lama del taglierino aiutandovi con una riga.


Con l'aiuto di un ago fate due piccoli buchi in corrispondenza della finestrella tonda e infilate il bakers twine a cui avrete fatto due nodi distanti 6 cm l'uno dall'altro. I nodi dovranno restare all'interno della casetta, infilate quindi prima un capo e poi l'altro (3). Incollate un cartoncino bianco sul lato opposto alla finesta e scriveteci il vostro messaggio di auguri (4).


Incollate come da indicazioni prima il tetto e poi il lato della casetta (5) e incollate al bakers twine la linguetta "tira" (6).


Ora il vostro gingerbread card è pronto, ritagliate e incollate la busta per la casetta, così l'effetto sorpresa sarà ancora più grande!
Chi riceverà il biglietto potrà in un attimo vedere una casetta di pan di zenzero prendere forma dalle proprie mani e sbirciando dalla finestra leggerà il vostro messaggio di auguri.

Ma questo non è il solo regalo che ho per voi oggi, come dicevo il mio biglietto fa parte di un e-book creato da Caseperlatesta per chi vuol aggiungere un tocco handmade ai propri regali. Un progetto che ha coinvolto 10 amiche, 10 blogger, italiane e non, che hanno lavorato insieme coordinate da Chiara e Ilaria per rendere il vostro Natale unico e creativo. Potete scaricare qui il pdf con la raccolta di tutti i progetti, mentre sui rispettivi blog troverete i tutorial dettagliati per realizzare questi stupendi biglietti d'auguri.


Ma Petite Maison - Shabby chic card
Penso Invento Creo - Biglietto pop up
CartaeCuci - Napkin Card
Bimbumbeta - Card with shaker
Efzincreations - Wishing boxes card
Caseperlatesta - Shadow Box Card


domenica 19 novembre 2017

Centrotavola sospeso per Natale

8 commenti:
Grazie a Rosa di Kreattivablog ho scoperto e approfondito la tecnica dell'himmeli e mi sono subito innamorata delle geometrie nordiche di queste decorazioni e del loro significato simbolico.
Ho trovato questa tecnica perfetta per delle decorazioni natalizie, coordinate naturalmente alla tavolata per il pranzo di Natale.


Quando faccio giardinaggio o spostando i vasi, capita spesso che qualcuna delle mie piante grasse perda le foglie, prontamente le metto in un sottovaso pieno di terra per far crescere nuove piantine che in autunno travaso e ritiro in casa. Quale miglior modo di celebrare questo rito che con gli himmeli, che nascono come decorazioni da appendere sulla tavola come augurio di un buon raccolto?


Con un po' di muschio l'atmosfera si fa subito festosa e la tavola di Natale si illumina con questo centrotavola sospeso.



Ritaglia del TNT in piccoli triangoli, avvolgici le radici delle piantine con un po' di terra e fissa con del fil di ferro. Disponi le piantine intorno alla candela e riempi gli spazi vuoti con il muschio stabilizzato, se necessario usa la colla a caldo per nascondere meglio i sacchetti di TNT.
Il muschio aiuterà a tenere umide le piantine e potrete di tanto in tanto vaporizzare dell'acqua per far durare più a lungo la vostra composizione.

Se questa tecnica vi ha incuriosito su Kreattivablog trovate un mio tutorial per le decorazioni natalizie, dove vi svelerò qual è il materiale con cui sono fatte.


Ma prima che andiate a sbirciare nel post... qualcuno riesce ad indovinare che materia prima ho utilizzato? Si aprono le scommesse!

domenica 22 ottobre 2017

Nella rete di Halloween

14 commenti:
Manca poco più di una settimana ad Halloween, ma quest'anno sono passata dagli allestimenti botanical ai progetti di Natale senza quasi passare per l'autunno. Non potevo però farmi scappare la festa più gotica dell'anno, che mi fa sempre divertire per quella scia di disappunto che porta con sé, anche perché dietro al mio tutorial c'è un progetto a cui tengo davvero molto.
E così, nello spirito dell'allestimento all'ultimo minuto, anche questo tutorial è stato preparato in tempi record, per dimostrarvi che fare questa ragnatela gigante è davvero un gioco da ragazzi!


mercoledì 4 ottobre 2017

Una Ghirlanda per Celebrare l'Autunno

5 commenti:
Ottobre è arrivato portando con sé cieli grigi e fresche serate, ma questo non vuol dire entrare in depressione per l'arrivo dell'inverno. In autunno gli alberi si colorano di giallo e arancione, le giornate terse brillano di un azzurro tutto particolare e nelle domeniche più fredde ci si può chiudere in casa con una bella tazza di tè caldo in pieno stile hygge.


lunedì 11 settembre 2017

Un tenero Panda per il Matrimonio in Bianco e Nero

8 commenti:
Proprio mentre Laura e Davide stanno festeggiando il loro primo anniversario voglio raccontarvi il loro matrimonio in bianco e nero e regalarvi un semplice tutorial per aggiungere un tocco personale al momento del lancio del riso.